Dolci autunnali- Ricette di dolci da gustare in famiglia

Dolci autunnali- Ricette di dolci da gustare in famiglia

L'aria è diventata pungente, i raggi del sole sono ormai tiepidi e a scaldare le giornate tante gustose ricette di dolci autunnali per coccolare il palato, in compagnia delle persone più care.

Nonostante il freddo sia alle porte, è ancora piacevole passeggiare nei viali di città bellissime come Parigi che, sui suoi Champs Elysées, stende un tappeto rosso per momenti di francesissima evasione in cui sedersi ai tavolini di un caffè e gustare un coloratissimo macaron: uno dei piaceri più belli della vita!

L’arrivo dell’autunno apre una nuova pagina sul grande libro della pasticceria di stagione. Le giornate si accorciano e nei primi, freddi pomeriggi è bello coccolarsi davanti ad una tazza di the caldo, accompagnata da una fetta di torta o da dolci biscotti fatti in casa.

Le previsioni parlano chiaro, il fine settimana si annuncia piovoso, ecco allora pronta l’occasione giusta per restare in casa e scegliere, tra tante ricette, il dessert da portare in tavola per una cena tra amici o in famiglia.

La nuova stagione porta sui banchi dei mercati tanti nuovi ingredienti, la frutta ha un profumo diverso e i colori si fanno più caldi, più intensi. Domina l’arancione della zucca e dei cachi, il marrone delle castagne si fa strada tra le foglie verdi e i simpatici ricci e l’effetto cromatico dell’uva arricchisce questa parata di primizie. In attesa del Natale, poi, ci sono le mandorle che si preparano ad arricchire squisiti dolci da gustare sotto le feste, all'ombra di un bellissimo albero tutto illuminato.

E’ il potere della pasticceria, una lenta quanto mai perfetta trasformazione di semplici ingredienti che regalano al palato l’incontro indimenticabile con i sapori d’autunno.

Le occasioni per deliziarci con torte e piccoli capolavori fatti in casa sono davvero tante, si comincia con la scusa di dare un saluto all'estate, poi arrivano i festeggiamenti per Halloween e in un attimo ci si ritrova a Natale e poi subito immersi in cremosi cuori di cioccolato per la festa di San Valentino.

E’ il primo giorno di pioggia battente e il pomeriggio è subito diventato scuro, i bambini fanno i compiti e chiedono una coccola alla mamma. Eccola: un goloso dolce al cucchiaio, un misto tra un budino e una crema al latte che li farà felici e delizierà anche voi. Montate tuorli e zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Fate gonfiare i fogli di gelatina in acqua fredda, quindi scioglietela nel latte tiepido, mescolate accuratamente, unite il latte ai tuorli e lasciate cuocere fino a quando la crema si addensa. Versatela nelle coppettine di vetro e lasciatela in frigo per tre ore. Se volete accompagnare questa crema con dei biscottini, prendete mandorle tritate, farina e zucchero e mescolate tutto insieme, aggiungete gli albumi leggermente montati e il Burro Président fuso. Fate delle palline di impasto e deponetele su una leccarda rivestita con carta da forno, allargandole un po’ con un cucchiaio. Cuocete a 180° per 15 minuti, i biscotti dovranno essere dorati ai bordi e bianchi al centro.

Per una merenda golosa, però, le ricette sono davvero infinite e se volete che i vostri bambini mangino più volentieri frutta e verdura, dovrete inventarvi dei modi divertenti e gustosi per invogliarli a fare piccoli esperimenti gustativi. I fagottini alle pere fanno al caso vostro! Preparate la pasta frolla impastando farina bianca, zucchero, un pizzico di sale e Burro Président fino ad ottenere delle grossolane briciole. Unite un tuorlo e un uovo e continuate a impastare velocemente, avendo cura di infarinare la spianatoia in modo che la pasta non si appiccichi; formate una palla, appiattitela (sarà più facile lavorarla dopo), avvolgetela nella pellicola da cucina e lasciatela mezzora in frigo. Tagliate le pere a dadini e rosolatele con poco Burro Président, unite lo zucchero, il cioccolato a scaglie e qualche biscotto sbriciolato. Stendete la pasta con il matterello sulla spianatoia e ricavatene dei quadratini da 10 centimetri di lato, mettete al centro il composto e richiudeteli a fagottino. Spennellateli con l’uovo e spolverizzate con lo zucchero di canna, quindi infornate a 180° per 15 minuti.

E con la stessa pasta frolla, le combinazioni di sapore da gustare in qualsiasi momento della giornata sono davvero infinite. E’ una preparazione di base che dovreste saper fare anche a occhi chiusi. E, visto che novembre è il mese delle castagne, perché non preparare un dolce strudel come comfort food di un pomeriggio tra amiche? Preparate il ripieno unendo e mescolando le castagne lessate, le mandorle a lamelle, un bicchierino di rum, un cucchiaino di zenzero in polvere, uno di cacao. Stendete la frolla in un rettangolo dallo spessore di circa mezzo cm e sistemate al centro le castagne; ripiegate sul ripieno uno dei due lati della pasta, per il verso della lunghezza, spennellatelo con un uovo sbattuto e fate lo stesso con l’altro lato. Sigillate le estremità, spennellate ancora con l’uovo e infornate per 44 minuti a 200°. Se volete rendere l’impasto ancora più particolare, aggiungete un po’ di farina di castagne. E se i vostri ospiti sono intolleranti al glutine, potete preparare una pasta frolla gluten-free seguendo questa semplice ricetta: lavorate il Burro Président con lo zucchero a velo, unite i tuorli, il lievito, il latte e le farine di riso e mais. Lasciate riposare l’impasto in frigo per un paio d’ore prima di utilizzarlo.

Semplici cestini di pasta frolla diventano un dolce autunnale molto speciale se farciti con una semplicissima composta di mele. Tagliate le mele a cubetti, mettetele in una casseruola con il Burro Président e cuocetele per 10 minuti a fuoco basso unendo il succo di lime e la scorza; unite la pectina e portate a ebollizione, quindi togliete la composta dal fuoco, adagiatela nei cestini di frolla che avrete cotto in forno con cottura cieca, e mettete in frigo. Servite con un ciuffo di panna montata o crema al mascarpone.

Se di autunno parliamo, non possiamo dimenticare la regina della tavola di questo periodo dell’anno: la zucca. E se volete stupire e stupirvi, basta fare un salto virtuale in Francia e preparare la Tarte Tatin, in cui questo ingrediente si adatta benissimo a tutto il resto. In una padella fate sciogliere il Burro Président, quindi unite lo zucchero, la vaniglia, la cannella, la scorza di limone, e un paio di cucchiai di acqua e quando il composto inizia a caramellare, unite la zucca tagliata a fettine, mescolate per pochi minuti e spegnete. Trasferite il composto in una tortiera e sistemate a raggiera le fettine di zucca, quindi adagiate un rotolo di pasta sfoglia avendo cura che i bordi si infilino tra le fettine di zucca e la tortiera. Bucherellate la pasta con i rebbi di una forchetta e infornate a 180° per circa 30 minuti. Ora vi viene richiesta un po’ di abilità: rovesciate la torta ancora calda su un piatto da portata e attenzione a non scottarvi! Fatele intiepidire e servitela, se vi piace, con una pallina di gelato alla crema, profumato alla cannella.

Se vi siete fatte prendere la mano e avete comprato troppa zucca, niente paura, cimentatevi nella preparazione di una cheesecake alla francese, un vero e proprio esperimento per grandi chef preparato con formaggio caprino Tronchetto di Capra Président. Ammorbidite in acqua bollente la zucca tagliata a pezzetti; nel frattempo, tostate i semi di sesamo, e frullateli insieme ai biscotti secchi, le noci, e il Burro Président. Otterrete così un composto sabbioso. Rivestite uno stampo a cerniera con la carta da forno bagnata e strizzata e sistemate, livellandoli, i biscotti. Lasciate in frigo per mezz’ora circa. Sciogliete la gelatina a bagnomaria in poca acqua, unite alla zucca e frullate; aggiungete il Tronchetto di Capra Président, lo zucchero, la cannella, la vanillina, lo zenzero e la scorza di un lime. Versate il composto nello stampo e lasciate in frigo per una notte.

Per fare bella figura in un dopocena tra amici, fatevi largo in cucina e armatevi solo di profumatissimi cachi maturi, uova, latte condensato e zucchero. Un flan da gustare comodamente seduti sul divano che resterà nei loro cuori. In una pentola mettete lo zucchero, copritelo con poca acqua e mettetelo a scaldare sul fuoco dolce. Non appena avrà raggiunto il colore ambrato, classico del caramello, versatelo sul fondo di uno stampo e ruotate per distribuirlo uniformemente. Frullate la polpa dei cachi e lasciateli da parte. In una ciotola, sbattete le uova, con il latte condensato e aggiungete la polpa. Versate il composto nello stampo e cuocetelo in forno a bagnomaria a 180° per 50 minuti. Decorate con fettine di caco, di mela tagliate sottili e servite.

Se i vostri ospiti non sono sazi, potrebbero salvarvi le ciambelline al vino rosso che potete sperimentare in un momento di relax. Unite il vino, la sambuca, l’olio e il bicarbonato; setacciate la farina e unitela a pioggia; ricavatene un impasto liscio e lasciatelo riposare per un paio d’ore in frigo. Riportatelo a temperatura ambiente, formate tante piccole palline e create le vostre ciambelle, disponetele su una leccarda rivestita di carta da forno e spolverizzate con lo zucchero. Infornate a 180° per 20 minuti. Servitele in un grande cesto, andranno a ruba accompagnate da un buon passito.

I dolci autunnali hanno ispirato la fantasia e solleticato il gusto, adesso è tempo di pensare al natale e prepararsi a stuzzicanti viaggi nel mondo delle ricette tradizionali, studiando articoli di cucina che possano stimolare la creatività e la fantasia per cucinare piatti indimenticabili.

Altri articoli