Camembert fritto

Camembert fritto
  • Più di 30 minuti
  • Secondi
  • Bassa
  • 4 persone

Il formaggio è un alimento conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, in particolare i formaggi francesi, che si sono meritati riconoscimenti a livello mondiale.

Il formaggio è ottimo da consumare in qualsiasi contesto: che sia un aperitivo o un appetizer, oppure usato come secondo o a fine pasto, saprà regalarvi deliziosi e sofisticati sapori.

Oggi parleremo della ricetta del camembert fritto: avvolgeremo il Camembert Président con una croccante panatura e poi lo accompagneremo con una salsa.

 

Preparazione

Per preparare il camembert fritto cominciate dalla salsa: lavate i ribes e le fragoline, poi metteteli in un pentolino con lo zucchero e fateli cuocere per circa mezz’ora a fuoco basso.

Se dovessero asciugarsi troppo aggiungete 2 cucchiai di acqua.

A cottura terminata, versate il contenuto del pentolino in un colino a trama fitta per filtrare il composto.

Prendete il Camebert Président e tagliatelo in modo da ottenere 8 spicchi, quindi passateli nella farina, poi nelle uova leggermente sbattute e salate ed, in ultimo, nel sesamo. Dovranno essere ricoperti in modo uniforme.

In una padella versate abbondante olio per friggere e scaldatelo a fuoco medio.

Quando l'olio sarà ben caldo, tuffateci gli spicchi di Camembert Président e friggeteli fino a che non si saranno dorati uniformemente.

Appena pronti, scolateli e lasciateli asciugare qualche momento sulla carta assorbente da cucina.

Quando avrete terminato di friggere tutti gli spicchi di Camembert Président, disponeteli su di un piatto da portata sopra a qualche foglia di insalata verde.

Il Camembert fritto è pronto ed ora potete servirlo accompagnato dalla salsa di ribes e fragoline.

 

Curiosità

Se volete rendere questa preparazione ancora più croccante, potete aggiungere alla panatura del vostro camembert fritto un po' di corn flakes: quando preparerete la panatura, prima di passare il formaggio nel sesamo, tuffatelo nei corn flakes sbriciolati. In alternativa potete usare il panko, un pangrattato di origine giapponese che è un po' più grossolano rispetto a quello tradizionale.

Stampa la ricetta

Contenuti correlati