Crêpes mortadella e brie

Crêpes mortadella e brie
  • Crêpes
  • Bassa
  • 4 persone

Le crêpes mortadella e brie sono la ricetta di un piatto unico dal profumo intenso e dalle note fortemente aromatiche.

Una farcia di mortadella verrà avvolta da senape e porri ed arricchita dal Brie Président.

Il tutto darà vita ad una pietanza morbida, scioglievole ed accattivante.

 

Preparazione

Per realizzare le crêpes mortadella e brie dovete prima di tutto prendere una ciotola e metterci dentro la farina, il sale e le uova.
Lavorate il tutto fino a quando non avrete ottenuto un composto ben amalgamato.
Uniteci il latte ed il Burro Président fuso ed amalgamate ancora.
Quando il preparato risulterà omogeneo, fatelo riposare per 30 minuti. 

Nel frattempo lavate e mondate i porri, eliminandone tutta la parte verde e la prima foglia esterna.
Dopodiché affettateli formando dischi di 1 millimetro circa e dipanateli in tanti anelli sottili. 

Ad operazione terminata, cuocete la base delle crêpes: prendete una padella di medie dimensioni, ungetela di burro e mettetela a riscaldare sul fuoco.
Una volta calda, versateci due cucchiai di pastella e fatela cuocere un paio di minuti per ciascun lato.
Preparata la prima crêpe, procedete a realizzare tutte le altre fino al totale esaurimento del composto. 

A questo punto farcite le vostre preparazioni: adagiate su ognuna di esse un velo di senape, spargeteci sopra gli anelli di porro, mezza fetta di mortadella e una listarella di Brie Président. 

Concludete le vostre crêpes mortadella e brie arrotolandole a sigaretta e sistemandole ben affiancate sul fondo di una pirofila unta di burro.
Infine mettete dei fiocchi di burro ed un po' di pepe in superficie e passatele in forno preriscaldato a 200° per 10 minuti circa.
Servitele tiepide o calde, a vostro gusto.

 

Curiosità

La mortadella è un insaccato cotto dal profumo molto intenso e speziato ed è un prodotto tipico dell'area emiliana, oggi diffuso in tutta l'Italia e anche all'estero. 

Il termine mortadella deriva dal latino murtatus, ovvero condito con mirto.
Un tempo infatti, l'insaccato veniva aromatizzato con le bacche di mirto.


La mortadella si realizza tramite una miscela di lardelli, carne di suino macinata finemente, emulsione di cotenna, frattaglie suine, grani di pepe e polvere di latte.
Si presenta come un insaccato versatile che in cucina diventa protagonista di diverse ricette.
Molte di queste appartengono alla tradizione gastronomica dell'Emilia, soprattutto di quella tipica bolognese ed infatti questo insaccato è un componente fondamentale della farcia dei tortellini.
Lo ritroviamo inoltre nella preparazione di spume, antipasti e lievitati.


L'unica mortadella IGP, a Indicazione Geografica Protetta, è quella di Bologna, mentre tutte le altre produzioni devono essere commercializzate come mortadelle comuni.

 

Stampa la ricetta

Contenuti correlati