Fonduta Valdostana

Fonduta Valdostana
  • Più di 30 minuti
  • Secondi
  • Bassa
  • 6 persone

La fonduta Valdostana è una pietanza che porta l'allegria in tavola.

Una ricetta sfiziosa basata sulla preparazione di una crema calda che, oltre alla fontina, vede tra i suoi ingredienti i tuorli d'uovo, il latte e il Burro Président. 

In questa golosità potrete poi inzuppare dei cubetti di pane casereccio, vanno bene anche un po' raffermi, sia al naturale che fritti nel burro.

Ma non è tutto perché, in un tripudio di raffinatezza e sapidità, in questa preparazione è possibile intingere anche il famoso Tartufo d'Alba.

Cucinare ed assaporare questo piatto delizioso con parenti e amici farà la felicità del vostro palato e di quello dei vostri commensali.

 

Preparazione

Per realizzare la fonduta Valdostana dovete tagliare prima di tutto la fontina a striscioline. Dopodiché mettetela a macerare per 3-5 ore in una ciotola coperta a filo di latte freddo; il tempo varia in relazione al grado di stagionatura del formaggio, pertanto la durata del procedimento sarà più lunga per i formaggi stagionati. 

Trascorso il tempo indicato, separate i tuorli dagli albumi; quindi, in un recipiente scaldato a bagnomaria, fate fondere il Burro Président. Una volta fuso, unitevi la fontina sgocciolata insieme a meno della metà del latte in cui è stata macerata. Dunque, disegnando giri a forma di otto, mescolate continuamente il preparato con l'ausilio di una frusta

Quando il formaggio risulterà completamente fuso, si trasformerà rapidamente in un grande gnocco di consistenza gommosa: a questo punto incorporate il primo tuorlo. Una volta incorporato, unite via via gli altri, ma state attenti ad aggiungere il successivo solo quando il precedente sarà completamente amalgamato

La vostra fonduta Valdostana, un volta arricchita dai tuorli, all'improvviso cederà e diventerà liquida; in caso contrario dovrete aggiungere altri tuorli. 

Continuate a lavorare il composto con la frusta e vedrete che la sua consistenza si farà fluida e cremosa. Nel caso in cui la fonduta risultasse troppo densa, potete sempre ammorbidirla con una piccola quantità di latte o panna.  

Se decidete di servire questa crema con lamelle di tartufo bianco, è necessario utilizzare i piatti fondi precedentemente riscaldati. In alternativa, se decidete di usare del pane, vi consigliamo di tostarlo un poco prima di inzupparlo.

 

Curiosità

La  fonduta Valdostana, detta Cacimperio dall'Artusi, è nata in Valle d'Aosta. 

I montanari infatti erano soliti preparare questa crema piacevolmente fondente con le gustose e grasse tome locali, che impiegavano per accompagnare la polenta o le fette di pane casereccio.

La ricetta originaria, a base di solo formaggio, con il tempo subì qualche modifica.

La toma lasciò il posto alla fontina. Questa infatti, lavorata con uova e latte, diventava facilmente vellutata e morbida. 

Importante anche l'incontro con il tartufo bianco, proveniente dal confinante Piemonte. Fu questo a segnare il destino della preparazione e a trasformarla, da semplice crema, a pietanza elaborata e raffinata.

 

Stampa la ricetta

Contenuti correlati