Insalata belga con arancia, noci, emmental

Insalata belga con arancia, noci, emmental
  • 20 minuti
  • Insalate
  • Bassa
  • 4 persone

L'insalata belga con arancia, noci, emmental è un ottimo contorno che vede la frutta secca abbinata a verdura, agrumi e Emmental Président.

Il risultato è un piatto sfizioso e saporito

Pochi ingredienti daranno vita ad una ricetta di realizzazione semplice, una portata colorata e allegra che sorprenderà piacevolmente i vostri commensali.

 

Preparazione

Per realizzare l'insalata belga con arancia, noci, emmental dovete prima di tutto sbucciare e pelare le arance spicchio per spicchio.
Ad operazione conclusa, mettetele in una fondina.
Ora mondate, lavate e tagliate a listarelle la belga, aggiungetela nella fondina e poi salate e pepate il tutto. 

A questo punto spargete sul preparato un'emulsione ben battuta di olio extravergine d'oliva, panna e succo di limone.
Mescolate il preparato con cura e unite anche l'Emmental Président tagliato a dadini. 

Concludete la vostra insalata belga con arancia, noci, emmental cospargendola con il trito di gherigli di noce.
Mescolate la preparazione ancora una volta e servitela immediatamente.

 

 

 

Curiosità

L'arancia è l'agrume frutto dell'arancio, pianta originaria dell'Estremo Oriente, introdotta in Europa intorno al I secolo d.C. come pianta ornamentale, ed oggi diventata una delle colture fondamentali dell'Italia centro-meridionale.

Tra i frutti si distinguono le arance amare e le arance dolci.
Queste a loro volta possono essere divise in bionde e sanguigne.

L'arancia amara, detta anche melàngolo o cetràngolo, è destinata all'industria come aromatizzante ed è impiegata per la preparazione di marmellate, realizzate anche con la sola buccia, e di liquori pregiati.
Tra questi ricordiamo: l'Aurum, il Grand Marnier, il Triple Sec, il Cointreau, il Triple Orange e il Curacąo.


Le arance dolci si consumano soprattutto fresche, in frullati, spremute, cocktail ed insalate.
Tra queste ultime, l'insalata belga con arancia, noci, emmental è solo uno dei tanti esempi. 


Infine, per quanto riguarda le conserve e la pasticceria, questo frutto può essere trasformato in crostate, canditi e squisite marmellate.

Oltre al delizioso connubio con gli agrumi e con le arance in particolare, l’indivia belga, con il suo colore delicato e il suo sapore tenue, è buonissima anche in altre preparazioni e, oltre che alla fresca insalata, si sistema nei piatti da portata con eleganza e semplicità. Ecco i nostri consigli.

Una teglia di indivia gratinata al forno, ad esempio, è un’ottima idea se si vogliono servire contorni semplici e gustosi. È un piatto facile da preparare in cui le foglie vengono spolverizzate con un trito di pangrattato, parmigiano, prezzemolo, sale e pepe, condite con un filo d’olio extravergine d’oliva e cotte in forno.

Le foglie di un cespo di indivia si possono abbinare anche ad altre verdure come zucchine tagliate a fettine sottili, carote a rondelle saltate in padella con timo e burro e possono anche essere l’involucro di golosi involtini per un antipasto gustoso e stuzzicante. Scottate le foglie di indivia in acqua salata per pochi minuti; a fine cottura, scolatele e lasciate che abbiano una consistenza croccante; adagiatele su un canovaccio e fatele asciugare bene. Tagliate l’Emmental Président a fette e poi a listarelle e unitelo ai bastoncini di carote saltati in padella. Adagiate carote e formaggio orizzontalmente sulle foglie, arrotolatele e chiudetele con un filo di erba cipollina. Sistematele in una pirofila unta con olio extravergine d’oliva, salate e infornate a 200° per 10 minuti.

 

Stampa la ricetta

Contenuti correlati