Crêpes con Roquefort

Crêpes con Roquefort

Le crêpes e il famoso e rinomato formaggio francese, il Roquefort, un'unione ricca di gusto e persistente bontà; vediamo come preparare piatti indimenticabili unendo la sapidità del formaggio con la delicatezza della pastella.

Crêpes e Roquefort: un matrimonio ben assortito

La Francia è famosa per la sua storia, per la sua cultura, per i suoi palazzi, per i suoi castelli, per i meravigliosi musei che ospitano collezioni permanenti e temporanee dei più grandi artisti, per le sue chiese, per la sua musica, sicuramente per i suoi vini e per la sua gastronomia che nel palmares mondiale ha conquistato un posto d’onore e di prestigio, vero fiore all’occhiello di una vetrina internazionale che conferisce lustro a questo Paese.

Nella gastronomia francese sono infiniti i prodotti, le ricette tipiche e le tradizioni che la elevano a vero e proprio faro per molti grandi chef ma anche per chi, semplicemente, ama la buona tavola.

Un grande statista (Charles De Gaulle) una volta ha detto: “un pays qui produit 365 sortes de fromages ne peut pas perdre la guerre!” (un paese che produce 365 tipi di formaggio non può perdere una guerra) e infatti, tra i tanti prodotti francesi, spiccano i formaggi per cui la Francia si fregia di un primato indiscusso.

Oggi abbiamo deciso di regalarvi qualche ricetta per portare in tavola un piatto che difficilmente vi farà resistere: crêpes e Roquefort che, insieme a qualche ingrediente e a qualche piccolo dettaglio, daranno vita a un assaggio indimenticabile.

 

Il Roquefort

Una storia interessante può vantarla il Roquefort, uno dei formaggi a pasta molle più conosciuti e apprezzati al mondo.

Le radici di questo formaggio affondano in un’annosa celebrità, infatti il Roquefort è uno tra i primi formaggi a ricevere la prestigiosa Appellation d’Origine Contrôlée (Denominazione di Origine Controllata) e, ad oggi, può contare anche sul riconoscimento europeo di Appellation d’Origine Protegée (Denominazione di Origine Protetta).

La storia del Roquefort si accompagna, inoltre, a una romantica leggenda che racconta che un pastore, per seguire la pastorella di cui era innamorato, dimenticò in una grotta del pane con il formaggio di pecora e, al suo ritorno, lo trovò ricoperto di muffa.

Provò ad assaggiarlo e fu sorprendentemente conquistato da quel gusto così particolare. Così come verrete conquistati anche voi dalle nostre gustose ricette che riusciranno a esaltare ancora di più il gusto di questo pregiatissimo formaggio.

 

Le crêpes

Insieme al formaggio, la Francia ci regala la ricetta per una delizia conosciuta e cucinata in tutto il mondo: le francesissime crêpes. Chiamate così perché preparate con una pastella che, stesa in padella, forma delle increspature, delle deliziose ondulazioni che formano quell’inconfondibile superficie poco lineare, sono adatte sia alle preparazioni dolci sia a quelle salate.

Gli ingredienti con cui si preparano sono molto semplici e sempre reperibili in qualsiasi dispensa.

Potete preparare le vostre crêpes con farine diverse: dalla farina 00 a quella di grano saraceno, a quella di riso, di ceci o di kamut.

Grazie alla consistenza delle crêpes, l’unione con ingredienti come i formaggi a pasta molle si rivela perfetta per creare un’armonia bilanciata di sapori e al palato regala una sensazione di vellutata bontà. Se volete preparare delle crêpes in maniera facile e veloce non vi resta che seguire i nostri consigli e mettervi al lavoro, il risultato finale vi ripagherà sicuramente.

In una ciotola setacciate 270 g di farina, 3 uova, 700 ml di latte, un pizzico di sale, quindi frullate con un frullatore a immersione fino a ottenere una pastella liscia e senza grumi (per questo è importante setacciare bene la farina). Lasciate riposare la pastella in frigo almeno mezz’ora e copritela con la pellicola da cucina. Prendete una padella antiaderente dal diametro di 14 cm circa, spennellatela con un velo di burro fuso e scaldatela sul fuoco; versate la pastella con un mestolo, dopo averla mescolata per qualche secondo. Distribuitela uniformemente e fate cuocere fino a quando sui bordi si crea una crosticina; trasferite la crêpe su un piatto e continuate fino a esaurire la pastella, impilando le crêpes man mano che saranno pronte, avendo cura di separarle con un foglio di carta da forno.

 

Crêpes con Roquefort

Ecco che due eccellenze della gastronomia francese si incontrano per deliziare la vista e il palato in un tripudio di sapore che vi saprà sorprendere e avvolgere in un tenero assaggio.

È un grande piatto della cucina francese, preparato soprattutto nei mesi che vanno da gennaio a luglio adatto a un aperitivo in terrazzo con gli amici e, se vogliamo restare in tema di tradizione francese, accompagnato con un buon bianco, piuttosto giovane come uno Chardonnay o un Bugey frizzante.

Chiaramente nulla vi vieta di bere anche un ottimo Champagne Grand Cru. Nonostante la sua fama, è una preparazione davvero molto semplice ma la sua semplicità non toglie nulla al suo potere di conquista.

Dopo aver preparato la pastella e aver cotto le crêpes, dedicatevi alla farcitura. In una casseruola, unite, aiutandovi con una frusta, 20 g di farina e 30 g di burro a fuoco dolce, aggiungete 250 ml di latte e mescolate per 5 minuti.

In una ciotola a parte, spezzettate con una forchetta il Roquefort e aggiungetevi 1/3 della crema di latte appena preparata e due cucchiai di crème fraîche, quindi farcite le crêpes con un cucchiaio del composto, arrotolatele e richiudete le estremità sulla parte inferiore. Sistematele in una pirofila precedentemente imburrata e ricopritele con il resto della salsa; aggiungete 50 g di groviera grattugiato e qualche noce di burro. Infornate, lasciate gratinare da 5 a 10 minuti e servite le vostre crêpes con Roquefort ben calde.

 

Crêpes con Roquefort e mele

Il Roquefort fa parte di quei formaggi che sono perfetti anche accompagnati dal miele.

La ricetta delle crème fraîche con Roquefort e mele richiede come accompagnamento una semplice insalata riccia, condita con una buona vinaigrette. Dopo aver preparato e sistemato le crêpes, pronte a essere farcite, tagliate una mela a fettine e lasciatela cuocere in padella con 30 g di burro. A parte, preparate la crema al Roquefort facendo sciogliere il formaggio in una casseruola a fuoco dolce insieme a 20 cl di crème fraîche; mescolate con una frusta e aggiustate di sale e pepe, se necessario. Sistemate le crêpes in un piatto da portata e farcitele, una alla volta, mettendo al centro un cucchiaio di mele ricoperte dalla crema e da una punta di miele; quindi piegatele in quattro e servite subito in un piatto con l’insalata.

 

Crêpes con Roquefort e noci

La ricetta base della besciamella diventa, in questo piatto, un ottimo escamotage per arricchire di gusto queste crêpes con Roquefort e noci che, da sempre, si sposano in un connubio davvero imperdibile.

Preparate le crêpes e mettetele da parte; quindi, in una casseruola fate fondere 75 g di burro con due cucchiai di farina, aggiungete 250 ml di latte e una spolverata di noce moscata.

Mescolate con una frusta fino a ottenere un composto molto liscio e cremoso. Aggiungete 250 g di Roquefort tagliato a pezzettini e, quando si sarà completamente sciolto, unite 100 g di gherigli di noci spezzettati. Farcite il centro delle crêpes con la crema, ripiegatele in quattro con i lembi rivolti verso il basso e sistematele in una pirofila ben imburrata; aggiungete qualche fiocco di burro anche sulla superficie e lasciate gratinare in forno per 5 minuti a 180°.

 

Le crêpes dell’Aveyron: le Pascades al Roquefort

L’Aveyron è un dipartimento di una regione francese che vanta questo piatto come tipico della sua tradizione culinaria e che, da semplice piatto delle fattorie, conquista la ribalta come piatto di tendenza nelle proposte culinarie di una parte della Francia.

La pascade è una crêpe che ha in sé qualcosa anche di un’omelette e di un clafoutis. Il suo nome è evocativo, è infatti un piatto della tradizione pasquale e si prepara prevalentemente la prima domenica dopo Pasqua.

Una crêpe un po’ particolare allora, da portare in tavola per stupire i nostri ospiti e immergerci in un’atmosfera dai profumi tutti francesi.

Per la pastella affettate uno scalogno molto finemente e tritate un mazzetto di prezzemolo; in una ciotola mettete 200 g di farina, allargatela al centro, versatevi due tuorli e due uova intere e mescolate con una frusta.

Versate 200 ml di latte a filo, continuando a mescolare fino a ottenere un composto liscio e omogeneo. Se vi accorgete che sono rimasti dei grumi, potete anche frullare con un mixer a immersione per qualche secondo. Aggiungete una spolverata di pepe nero macinato al momento, lo scalogno e il prezzemolo.

Lasciate che il composto riposi almeno due ore in frigorifero; nel frattempo montate a neve ben ferma i due albumi rimasti e incorporateli al composto una volta trascorso il tempo necessario al riposo.

Riscaldate una padella antiaderente con un cucchiaio di olio extravergine d’oliva e quando raggiunge la giusta temperatura versatevi il composto e formate una crêpe spessa (2 cm circa).

Lasciate cuocere il primo lato per 3 o 4 minuti fino a quando non avrà raggiunto un bel colore dorato e si sarà formata una crosticina sui bordi; quindi giratela sull’altro lato, disponete il Roquefort tagliato a pezzettini su tutta la superficie e terminate la cottura quando il formaggio comincia a fondere.

L’accompagnamento perfetto per questa francesissima crêpe un po’ particolare è un’insalata d’indivia guarnita con qualche gheriglio di noci, sempre contente di fare compagnia al Roquefort.

Tradizione e cultura per un abbinamento che non vi stancherà mai. Bon appétit!

Altri articoli